Animali Le buone notizie da Gaia

Un branco di delfini salva un uomo disperso in mare da più di dodici ore

Una storia incredibile quella accaduta a un uomo irlandese che è stato soccorso da un branco di delfini nelle gelide acque della contea di Kerry. Dopo ore di affanno in mare aperto, il gruppo di cetacei ha segnalato la presenza dell’uomo ai soccorritori della guardia costiera.

Un salvataggio estremo

L’incauto nuotatore era partito per una nuotata domenicale, percorrendo una distanza di addirittura otto chilometri in mare. Purtroppo per lui, la fatica ha preso il sopravvento e non gli ha permesso di ripercorrere la via del ritorno.

Il freddo dell’acqua dell’oceano ha fatto il resto, lasciando l’uomo in balìa della marea. Solo quando altri bagnanti sono arrivati alla spiaggia e hanno trovato i suoi vestiti abbandonati sono cominciate le operazioni di salvataggio.

Dopo ore di ricerca in mare aperto, le speranze di ritrovare il nuotatore si erano fatte scarse. Ma a un certo punto, una forte attività ha attirato l’attenzione della guardia costiera: un branco di delfini che si muoveva in circolo e con forza in un punto specifico.

L’operazione di salvataggio dei delfini

Il branco di delfini aveva notato l’uomo disperso in mare. Capendo che si trovava in difficoltà, hanno cominciato a nuotare in cerchio intorno a lui, cercando di tenerlo a galla e segnalando la sua posizione.

L’assistenza dei delfini è durata diverse ore, fino a quando i soccorsi non hanno notato il trambusto e non hanno visto l’uomo disperso in mezzo al circolo di delfini.

Una volta portato a bordo, l’uomo si è ripreso in fretta. Portato in ospedale per accertamenti, non sembra aver mostrato danni rilevanti, a parte lo spavento per la terribile esperienza vissuta.

Un comportamento comune tra i delfini

Non è raro sentire storie di esseri umani salvati da branchi di delfini: in realtà, il comportamento di circondare le persone disperse in mare è stato già riscontrato alcune volte. Si tratta di una tattica con due scopi ben precisi.

Il primo, forse più evidente, è quello di impedire alla persona dispersa di annegare sostenendola a galla. Ma c’è un altro motivo per cui i delfini adottano questo comportamento: si tratta di una barriera che formano per evitare che la persona venga attaccata da qualche squalo.

Non è chiaro il motivo di questa solidarietà dei delfini verso gli esseri umani, ma quel che è certo è che questo nuotatore irlandese (insieme a molti altri!) deve ringraziare i gentili cetacei per il soccorso prestatogli!

Vi è piaciuta questa storia di aiuto tra umani e delfini? Se le storie di animali e animalismo vi interessano, non perdete queste altre buone notizie:

Un pellicano sopravvissuto a un disastro petrolifero torna a casa dopo dieci anni

I rinoceronti nepalesi aumentano i loro numeri

La pantera di Puglia in realtà è una magnifica serval nera con i suoi cuccioli

Prova Gratis UAM.TV per una settimana!
UAM.TV. Film, documentari e videocorsi per un altro mondo possibile.

Ti è piaciuto questo articolo? Puoi condividerlo sulla tua pagina social cliccando sulle iconcine qui sotto.

Ti ricordiamo che puoi consultare il nostro palinsesto in qualsiasi momento presso il catalogo pubblico di UAM.TV.

Se hai voglia puoi lasciare un commento qui sotto.

Lascia un commento

Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie e privacy policy. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa.