Ambiente Animali Le buone notizie da Gaia

I surfisti salvano le foche monache da più di 3000 trappole nelle coste hawaiane

Purtroppo, l’impatto della pesca sul mare è una cosa ben nota a tutti. Ancora peggiore è la pesca abusiva, praticata illegalmente e con metodi particolarmente distruttivi.

È il caso delle trappole usate per catturare le anguille melma nei paesi dell’Asia Orientale, in particolare in Corea. Si tratta di trappole dalla forma a imbuto, pensata per catturare agevolmente queste anguille sul fondale.

Ma la loro particolare forma non le rende pericolose solo per questi pesci: si tratta di un oggetto pericolosissimo anche per molti mammiferi marini, come le foche monache. Un’associazione di surfisti sta cercando di porre un freno a questa minaccia.

Un programma per rendere il mare più sicuro

La Surfrider Foundation, un’associazione ambientalista molto nota negli Stati Uniti, ha dato il via a un progetto per ripulire i mari da queste trappole letali. Le operazioni si concentreranno principalmente nell’arcipelago delle Hawaii.

Il motivo è piuttosto semplice: le trappole che vengono piazzate nei mari dell’Asia Orientale vengono portate via dalle correnti dell’Oceano Pacifico. Queste vanno a finire per la quasi totalità nelle acque delle isole hawaiane.

La sede locale della Surfrider Foundation, che oltre a promuovere lo sport del surf si impegna a tutelare gli ecosistemi marini, ha quindi dato il via a una caccia aperta a queste trappole per rimuoverle e cercare di identificare i luoghi di provenienza.

Un lavoro infinito

Solo nel 2021, l’associazione ha rimosso dal mare oltre 3000 trappole per anguille, salvando centinaia di foche monache da una morte lenta e dolorosa. Ma il danno di queste trappole non si limita solo ai mammiferi marini: infatti, anche le microplastiche rilasciate nel mare costituiscono un ulteriore problema.

Il focus del lungo lavoro della Surfrider Foundation non si limita solo alla protezione degli animali, ma anche sul portare consapevolezza dei danni immensi causati dalla pesca commerciale deregolamentata e irresponsabile.

Se le storie di animali e animalismo vi interessano, non perdete queste altre buone notizie:

Un pellicano sopravvissuto a un disastro petrolifero torna a casa dopo dieci anni

I rinoceronti nepalesi aumentano i loro numeri

La pantera di Puglia in realtà è una magnifica serval nera con i suoi cuccioli

Prova Gratis UAM.TV per una settimana!
UAM.TV. Film, documentari e videocorsi per un altro mondo possibile.

Ti è piaciuto questo articolo? Puoi condividerlo sulla tua pagina social cliccando sulle iconcine qui sotto.

Ti ricordiamo che puoi consultare il nostro palinsesto in qualsiasi momento presso il catalogo pubblico di UAM.TV.

Se hai voglia puoi lasciare un commento qui sotto.

Lascia un commento

Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie e privacy policy. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa.