Documentari Mente e spiritualità Recensioni

Tobì Tobì: imparare l’arte di fare le cose con calma sulla via del peyote

Protagonista, regista e soggetto principale di questo documentario è Antonio. Un giovane ragazzo italiano che vive un’inquietudine che si esprime attraverso i suoi sogni ricorrenti. Sogni di leggerezza e di grandi esperienze che lo possano completare, sogni che lo mettono in viaggio per il Messico.

Lo scopo di questo viaggio? Quello di trovare un nuovo modo di fare esperienza, di percepire la propria vita e il proprio posto. Così inizia la storia di Tobì Tobì, un viaggio semi-on-the-road per le coste messicane che ricorda il famoso romanzo di Kerouac.

In mezzo ai villaggi dei vecchi hippy o sulle strade degli sciamani delle comunità mazateche, il viaggio di Antonio prosegue. Ogni tappa è l’occasione per parlare con chi si incontra sul cammino, persone che diventano interviste del documentario.

E ogni intervista, accompagnata dalle riflessioni di Antonio, diventa parte di una visione più ampia nella quale ripensare il proprio rapporto con il tempo e il mondo.

Tra magia e psichedelia

Tobì Tobì esplora le molteplici sfaccettature dell’identità degli indigeni messicani, tra cui le credenze sincretiste della magia bianca e nera e quelle delle religioni native riguardanti il peyote.

Attraverso questa esplorazione, Antonio porta alla luce la sua stessa psiche, riscoprendo ciò che la civiltà lo aveva portato a rimuovere. Un viaggio in un inconscio che però non si svolge in uno studio di uno psicanalista, ma sulle polverose strade dell’America Centrale.

Punti salienti del documentario sono appunto gli incontri con i santoni e gli stregoni che Antonio trova sulla sua strada. Da chi predice il futuro con i chicchi di mais, a chi utilizza rituali magici per controllare le energie della vita.

E ovviamente, anche i conoscitori del peyote e degli allucinogeni propri della cultura magica messicana. Tutto parte di un’indagine non solo su quello che è un largo e ampio fenomeno culturale, ma anche su di un’esperienza che può riaprire aspetti sepolti della mente umana.

La magia della vita tra i fili del destino

La cultura fatalista degli indigeni messicani si radica nella visione di Antonio. Una cultura dove i sogni non sono lampi dell’inconscio, ma presagi di ciò che arriverà. Una cultura dove si attende che il destino faccia il suo corso, con accettazione e curiosità.

Il viaggio di Antonio lo porta a crescere abbandonando, almeno in parte, la poliedricità e l’affanno della cultura occidentale. Portandolo ad abbracciare un modo di vivere in cui l’attesa del destino, l’ascolto di energie nascoste e l’esplorazione dei segreti della propria mente lo conducono a un’esperienza piena e appagante.

Titolo: Tobì Tobì
Regia: Antonio Di Martino
Anno: 2020
Genere: documentario
Durata: 89′

Vi interessa il tema delle culture indigene e del modo in cui possono cambiare il nostro modo di pensare? Allora vi interesserà il documentario Crazywise, incentrato sul rapporto tra culture native e guarigione psicologica. Potete anche leggere la nostra recensione, Crazywise: un documentario sulla malattia mentale e la guarigione al di là della psichiatria.

Prova Gratis UAM.TV per una settimana!
UAM.TV. Film, documentari e videocorsi per un altro mondo possibile.

Ti è piaciuto questo articolo? Puoi condividerlo sulla tua pagina social cliccando sulle iconcine qui sotto.

Ti ricordiamo che puoi consultare il nostro palinsesto in qualsiasi momento presso il catalogo pubblico di UAM.TV.

Se hai voglia puoi lasciare un commento qui sotto.

Lascia un commento

Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie e privacy policy. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa.