Ambiente Animali Le buone notizie da Gaia

Il lupo torna a popolare le foreste italiane

A molte persone potrà sembrare un incubo, ma il ritorno del lupo è un’ottima notizia per i boschi del nostro paese. Grazie a uno sforzo durato oltre tre decenni, la popolazione di lupi sta tornando a fiorire, rinvigorendo i cicli naturali.

Una specie ingiustamente odiata

La vita di un lupacchiotto è dura. Nei confronti della sua specie esistono pregiudizi e timori ben radicati nella mente delle persone. Gli stessi pregiudizi che hanno portato alla sua imminente estinzione tra gli anni ’70 e ’80; e che ancora adesso lo minacciano in diverse parti del paese.

Sono molti gli allevatori di bestiame, i cacciatori e anche i comuni cittadini che attribuiscono a questa specie un ruolo negativo, quasi fossero una presenza demoniaca. Ma i lupi non sono certo animali crudeli, cattivi o diabolici: sono predatori e come tale hanno un ruolo nel mantenimento dell’ecosistema.

Certo, ci sono stati casi di attacchi ad animali come pecore e mucche che hanno arrecato un danno economico ai loro proprietari. Ma si tratta di casi molto isolati, spesso imputabili alla mancanza di deterrenti come cani da pastore. E per quanto riguarda gli attacchi agli uomini, che infestano gli incubi di molti passeggiatori della montagna, essi sono così rari da essere quasi inesistenti.

Il ritorno del lupo dagli Appennini e dai Balcani

Durante la prima metà del Novecento, la crescente antropizzazione dell’area alpina ha drammaticamente ridotto l’habitat del lupo italiano. Un fenomeno che si è aggiunto al bracconaggio, alla competizione alimentare e alla riduzione dei terreni di caccia.

Sempre più pressato dalle attività umane, il lupo italiano ha trovato rifugio sui Balcani e in misura minore sugli Appennini. In queste zone si è conservata una porzione importante della popolazione di lupi dell’Europa. Qui, gli animali hanno sviluppato una relazione più stabile e sana con gli abitanti locali.

Grazie agli sforzi degli enti preposti alla conservazione del territorio, il lupo italiano è tornato a diffondersi anche nell’area alpina. Adesso, seppur raramente, si può avvistare qualche lupacchiotto in lontananza mentre si aggira tra la vegetazione.

Come comportarsi con il lupo italiano

Il lupo è un animale che va tutelato, senza dubbio. La sua presenza nel territorio è benefica sotto molti aspetti: oltre a contribuire alla biodiversità, aiuta a regolare le popolazioni di altre specie animali come lepri e caprioli. È un agente fondamentale nella conservazione di un equilibrio naturale che impedisce danni alle colture umane.

Ma ora che il lupo è di nuovo tra noi, è importante capire come relazionarci a lui. Innanzitutto, se ne avvistiamo uno, non cediamo alle superstizioni! Il lupo è un animale schivo e diffidente, che non cercherà di entrare in contatto con noi e che probabilmente fuggirà non appena ci vedrà.

In secondo luogo, è importante che gli insediamenti umani non invadano il suo areale e che non lo abituino a trovare cibo vicino alle abitazioni: può sembrare una gentilezza verso di loro, ma nutrire un animale selvatico significa invitarlo ad addentrarsi nei villaggi e nelle città!

Seguendo pochi accorgimenti, il lupo diventerà un elemento di meraviglia nelle nostre passeggiate in montagna o nel bosco. E naturalmente, un arricchimento del nostro patrimonio faunistico!

Se il tema della biodiversità e dei suoi benefici vi interessa, ci sono altre buone notizie per voi:

L’aquila testabianca ripopola l’America

Il bisonte europeo tornerà a popolare le foreste inglesi

A Chernobyl le mucche tornano libere

UAM.TV

Ti è piaciuto questo articolo? Puoi condividerlo sulla tua pagina social cliccando sulle iconcine qui sotto.

Ti ricordiamo che puoi consultare il nostro palinsesto in qualsiasi momento presso il catalogo pubblico di UAM.TV.

Se hai voglia puoi lasciare un commento qui sotto.

Lascia un commento

Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie e privacy policy. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa.