Documentari Mente e spiritualità Recensioni

Any step is a place to practice: lo zen sospeso sulla fune della vita

Avreste mai pensato che esiste un legame tra lo zen e il funambolismo? Questo è quello che pensa Andrea Loreni, un funambolo italiano che nei suoi giri acrobatici ha anche portato avanti un percorso nello zen giapponese.

Il documentario Any Step Is A Place To Practice racconta questo viaggio su una duplice fune: quella fisica che Andrea calpesta con i piedi e quella interiore, la fune della mente sospesa nel vuoto.

Il monaco funambolo

Buona parte del documentario ruota intorno ai racconti di Andrea, nei quali spiega come sia entrato in contatto con lo zen e la meditazione grazie ad internet. Avendo stretto amicizia con alcuni monaci e badesse di monasteri in Giappone, iniziò il suo percorso alla scoperta della meditazione zen.

Un praticante di funambolismo da molti anni, Andrea ha passato buona parte della sua vita in bilico su una fune sospesa. Un esercizio di massima concentrazione, dove la perdita dell’attenzione porta all’inevitabile caduta.

È proprio questa pratica dell’attenzione che ha guidato Andrea verso lo Zen e in particolare verso la meditazione zazen. Un’analogia tra due modi diversi di ammaestrare la mente e raggiungere la quiete interiore.

La pratica passo dopo passo

Durante i suoi interventi, Andrea racconta al pubblico e a noi come ha mosso i suoi primi passi nel mondo dello Zen. Ci racconta del suo incontro con i koan, gli enigmi buddhisti pensati per aprire la mente e liberarla dalle catene del pensiero razionale.

Ci racconta del rapporto con i suoi maestri, delle prove superate e del progressivo miglioramento nella pratica dello Zen. Un miglioramento che, come nel funambolismo, è avvenuto attraverso numerose cadute.

Andrea ci racconta della somiglianza tra i passi compiuti sulla fune, dove ogni movimento del piede è parte di un percorso fatto di singoli istanti, e i passi compiuti dalla sua mente che in ogni secondo deve rinnovare la sua concentrazione nello zazen per raggiungere la quiete.

Tante pratiche, un unico Zen

Certamente, Andrea ha una visione non ortodossa dello Zen e della meditazione. Eppure, dopo aver studiato duramente e praticato zazen per molti anni, è in grado di mostrarci un ambito in cui gli stessi principi della meditazione hanno lo stesso valore.

Un po’ come i vecchi maestri trasposero quegli stessi principi nella cerimonia del tè, nella pittura o nel kintsukuroi, Andrea arricchisce l’esperienza dello Zen.

Any Step Is A Place To Practice diventa così non solo il documentario su una curiosa forma di meditazione o sulle esperienze di un personaggio singolare capace di riunire in sé le tradizioni circensi con quelle del buddhismo Zen. Diventa anche un documentario di riflessione su che cosa sia davvero lo Zen e su come esso possa ritrovarsi anche nei luoghi più impensati.

Titolo: Any Step Is A Place To Practice
Regia: Avantpost
Durata: 70′
Genere: documentario
Paese di produzione: Italia

Se il tema del rapporto tra funambolismo e ricerca di sé vi interessa, vi potrebbe piacere anche il documentario Etre et durer, incentrato sullo sport del parkour. Potete anche leggere la nostra recensione Être et Durer: la scuola del parkour.

Prova Gratis UAM.TV per una settimana!
UAM.TV. Film, documentari e videocorsi per un altro mondo possibile.

Ti è piaciuto questo articolo? Puoi condividerlo sulla tua pagina social cliccando sulle iconcine qui sotto.

Ti ricordiamo che puoi consultare il nostro palinsesto in qualsiasi momento presso il catalogo pubblico di UAM.TV.

Se hai voglia puoi lasciare un commento qui sotto.

Lascia un commento

Noi e alcuni partner selezionati utilizziamo cookie o tecnologie simili come specificato nella cookie e privacy policy. Puoi acconsentire all’utilizzo di tali tecnologie chiudendo questa informativa.