Viaggi consapevoli

L’ arrivo in Puglia, dove la terra finisce.

Nei conventi di Puglia, immersi nel verde e al confine col mare, si conlude il meraviglioso cammino “Con le ali ai piedi” di Abha on the road.

L’ arrivo in Puglia, verso la fine del viaggio.

Lasciato l’amato Molise, oltrepassando i monti della Daunia, si profila il magnifico Tavoliere pugliese, dove il paesaggio si fa quadro.

Fra’ Raffaele, il padre missionario che porta la gioia.

Arrivati al Convento dei Frati Cappuccini di San Marco La Catola, luogo molto amato anche da Padre Pio da Pietralcina, conosciamo Fra Raffaele, rientrato in Italia dopo quasi 40 anni di missioni in Africa per diffondere la gioia di vivere e aiutare i bambini, le donne e le persone più deboli in stati poverissimi come il Ciad e la Repubblica Centrafricana.

La natura si risveglia e il cammino si fa spirituale…

Il caldo d’agosto rende le giornate roventi, così si inizia il cammino nelle ore fresche della notte. Ci si immerge a contemplare la natura che trascolora dal buio alla luce, mentre l’anima si risveglia.

Fra Pietro e la fine del cammino.

Dopo l’arrivo mozzafiato al Santuario di San Michele a Monte Sant’Angelo, dov’è interdetta qualsiasi ripresa video e fotografica, Angela Seracchioli suggerisce ai pellegrini di regalarsi un epilogo eccezionale del cammino “Con le ali ai piedi”, raggiungendo l’ Abbazia di Santa Maria in Pulsano: un posto dalla bellezza indescrivibile, dove Fra’ Pietro ci racconta cosa significa vivere in romitaggio nel XXI secolo.

Qui la finis terrae si chiama Gargano.

L’incredibile testimonianza di Fra Pietro è un invito a vivere il contatto con la solitudine e il silenzio, al ritmo del nostro cuore e dei nostri passi.

“Ogni tanto Bisogna fermarsi e guardare” – dice in sintesi Fra’ Raffaele- “Il viaggio infatti non ha un punto d’arrivo. La meta del pellegrino è il viaggio stesso. Ma ogni tanto bisogna fermarsi e vivere in silenzio il sentimento di gratitudine e massimo rispetto verso quel magnifico dono che è la natura“.

L’ Abbazia è aperta a tutti coloro che, con discrezione, vogliono fare un’ esperienza sincera di questo sentimento prezioso, ai margini della “Fins terrae” che qui si chiama qui Gargano.

Ed eccoci così giunti al termine di “Con le Ali ai Piedi”, sulle orme di San Francesco, in compagnia della nostra infaticabile maestra dell’arte del cammino “Abha on the road”.

Ma questo è solo un arrivedreci!

Le diamo infatti appuntamento alle prossime fantastiche avventure che, vi anticipiamo, si svolgeranno nelle radiose terre di Sicilia, lungo il cammino “La Magna Via Francigena”, da Palermo alla Valle dei Templi di Agrigento.

Nel suo nuovo cammino Abha continuerà dunque il suo dialogo continuo con l’universo che ci circonda, lasciando la parola alla natura, al vento, agli alberi, agli animali, ai paesaggi e ai nuovi straordinari “incontri del cuore” con personaggi indimenticabili, alla incessante ricerca di quell’armonia e di quella pace interiore cui tutti aspiriamo.

Se volete immergervi nel mondo di Abha e ripercorrere le prime tappe del cammino “Con le Ali ai piedi” vi invitiamo alla visione delle puntate precedenti :

1. Comincia oggi il lungo cammino per le vie del mondo con “Abha on the road”!

2. Il primo cammino “Con le ali ai piedi”. Sulle orme di San Francesco verso la grotta di San Michele Arcangelo.

3. L’incontro con Daniela e la Grotta di Santa Filippa Mareri.

4. L’incontro con il pastore e poeta Vincenzo.

5. Il “dolce” incontro con l’apicultore Vittoriano.

6. La tappa mistica

7. Il bosco sacro

8. Il tratto molisano

Grafica di Gabriela Ramirez

Se volete approfondire la vostra conoscenza dei cammini sacri vi consigliamo la visione su UAM.TV de “Il Cammino di Santiago“, del quale potrete leggere qui la nostra recensione.

Se vi appassiona la storia di San Michele Arcangelo e il culto a lui dedicato, non perdetevi sempre su UAM.TV il bellissimo “La via dell’Angelo” di Germano di Mattia e Mi-ka-el – C’è altro guardando oltre?, di Filippo Fagioli e Massiliano Varrese, di cui potrete leggere qui la nostra recensione

abbonati a uam tv

Ti è piaciuto quest’articolo? Puoi condividerlo sulla tua pagina social cliccando sulle iconcine qui sotto.

Rispondi