lifestyle

Flowers on the mat – Il fiore di Bach Rock Rose: dal terrore al coraggio eroico – 1° incontro con Susanna Esposito

Ciao, sono Susanna Esposito e oggi vi parlerò del fiore di Bach Rock Rose. Essendo il primo episodio della rubrica Flowers on the mat, inizierò con un excursus sul lavoro e sulle conoscenze di Edward Bach.

Edward Bach era un medico inglese vissuto fra la fine dell ‘800 e l’inizio del ‘900. Sin da bambino fu estremamente sensibile nei confronti dei più deboli e sofferenti e consacrò la sua vita alla cura del prossimo.

All’apice del successo lasciò il suo studio di Londra con lo scopo di creare un sistema completo di rimedi naturali semplici, puri, privi di tossicità e non violenti e scelse i fiori perché rappresentano la parte della pianta più altamente evoluta.

Bach era ispirato da una visione olistica della malattia e della guarigione, era giunto alla conclusione che la salute risiedesse nell’unione armoniosa di anima, mente e corpo, per questo si dedicò a selezionare 38 fiori tra piante, alberi e fiori di campo, che rendessero possibile tale condizione.

Anima e personalità, secondo Bach, devono procedere di pari passo affinché l’individuo possa felicemente realizzare sé stesso e la propria unica e singolare missione su questa Terra, se ciò non accade, se la personalità è sviata dal percorso dell’anima, nasce nell’uomo la conflittualità che causa malessere e disagio.

I Fiori di Bach hanno un’azione armonizzante sulle emozioni. Il Dr. Bach ha descritto alcuni fiori come “tipologici”, legati ossia, a specifiche personalità.

In tutti i casi i rimedi non combattono le emozioni negative o i difetti caratteriali, ma sviluppano le virtù corrispondenti favorendo un processo di riallineamento con noi stessi, restituendo a chi ne fa uso equilibrio e benessere psicofisico.

I Fiori di Bach si somministrano sotto forma di goccine: 4 gocce per 4 volte al giorno. Non hanno controindicazioni (eccetto in situazioni di allergia all’alcol o astensione totale da alcolici) e non danno assuefazione.

Bach divise i suoi 38 fiori in 7 gruppi che rappresentano i conflitti fondamentali che ci impediscono di essere veramente noi stessi.

Nel nostro percorso seguiremo la traccia di Bach e parleremo dei fiori per coloro che hanno paura (1), per coloro che soffrono di incertezza(2), per coloro che non provano interesse per il presente(3), per coloro che soffrono di solitudine(4), per coloro che sono ipersensibili alle influenze esterne e alle idee altrui(5), per coloro che si scoraggiano e si disperano(6), per coloro che si preoccupano eccessivamente del benessere altrui(7).

Rock Rose è il primo fiore del gruppo, “per coloro che hanno paura”, composto anche da Mimulus, Cherry Plum, Aspen e Red Chestnut, di cui parleremo nelle prossime settimane.

Nelle descrizioni di fiori cercherò di essere semplice ed essenziale come Bach ci ha insegnato con il suo esempio e i suoi scritti. Oltre alla descrizione del fiore aggiungerò come il rimedio può trasformare un’emozione o uno stato d’animo nella sua versione migliore e infine vi darò alcuni brevi consigli pratici per migliorare lo stato emotivo in squilibrio.

Cominciare il viaggio tra i fiori con il gruppo “per coloro che hanno paura” mi sembra adatto al momento che stiamo vivendo e caso vuole che sia anche il primo che Bach inserisce nel suo testo principale I dodici “guaritori” e altri rimedi, che vi consiglio di leggere se siete interessati al tema.

Si tratta di un testo breve, semplice e al contempo ricco di sfumature; da cui è possibile attingere sia per cogliere sempre più in profondità il significato delle parole di Bach, sia per migliorare la conoscenza di sé stessi.

Bach descrive Rock Rose così: “Il rimedio di soccorso. Il rimedio di emergenza persino per i casi che appaiono senza speranza. Per incidenti o malattie improvvise, o quando il paziente è molto spaventato o terrorizzato, oppure se le condizioni sono gravi al punto da causare grande paura in chi è vicino. Se il paziente non è cosciente gli si possono inumidire le labbra con il rimedio. Potrebbero anche rendersi necessari altri rimedi in aggiunta, ad esempio, Clematis in caso di incoscienza; Agrimony, se c’è tormento e così via.”

Rock rose è l’Eliantemo, il cui nome botanico è Heliantemum Nummularium, piantina dai fiori giallo oro con i petali gialli e fragili come seta, si strappano con un nonnulla, durano solo un giorno e poi cadono giù. La loro delicatezza ricorda molto bene la natura flebile o lo stato d’animo di chi ha bisogno di Rock rose.

Secondo Bach il rimedio è adatto in caso di terrore, panico, paura incontrollabile certe volte irrazionale che può cogliere dopo essere stati coinvolti in un incidente, dopo aver assistito a un incidente o dopo uno scampato pericolo.

Ma diciamo che siamo in presenza di una seria minaccia, non come una cavalletta che ti salta sulla fronte!

Chi ha questo tipo di reazione è veramente spaventato, suda freddo, trema, sviene, ha una paura paralizzante che non sembra dargli via di scampo. Generalmente è uno stato di breve durata, ma non per questo meno intenso e sconvolgente.

Può darsi che queste persone siano rimaste vittima di incidenti come aggressioni, una malattia improvvisa, calamità naturali, che hanno generato in loro una paura terribile.

Rock rose è adatto in tutte queste circostanze e può essere molto utile anche in caso di incubi, talvolta insieme a un altro fiore che si chiama Aspen – che, come abbiamo visto, fa sempre parte del gruppo per la paura – e di cui parleremo in un prossimo video.

L’energia che può liberare l’assunzione di Rock Rose è quella del coraggio che ti trasforma in un eroe capace di superare sé stesso in una situazione di emergenza e di crisi, di agire con presenza di spirito e lucidità dimenticandosi di sé aiutando invece gli altri con il proprio coraggio.

Per chi si riconosce nella descrizione del fiore Rock Rose, sia come stato transitorio che come aspetto constante della propria personalità consiglio di imparare a proteggere il proprio plesso solare, il terzo chakra, che si trova nell’area dove troviamo la bocca dello stomaco, facendo degli esercizi di visualizzazione: immaginate uno scudo luminoso che protegge il vostro plesso solare che è il centro della volontà e del potere personale.

Con Rock Rose ci fermiamo qui ma ci rivediamo fra due settimane con il secondo fiore del gruppo per coloro che hanno paura, Mimulus il fiore da assumere per le paure note.

Qui potrai trovare tutti gli articoli della rubrica

Grafica di Gabriela Ramirez

Lascia un commento