Recensioni

Donne Luce

Donne Luce è un progetto documentaristico, una docu-serie di nove puntate da venti minuti che raccontano il movimento femminile nel nostro paese. Un movimento che nel corso degli anni si sta risvegliando sempre di più.

La scelta tra la luce e il buio, tra accettarsi o fuggire, è il fil rouge che lega tra loro le vicende di donne straordinarie. Donne che raccontano la loro vita e il momento esatto in cui si sono trovate di fronte a questo bivio, in cui le loro vite sono cambiate.

Attraverso le storie di nove donne, questa docu-serie affronta temi fondamentali per lo sviluppo e la crescita della consapevolezza di sé: la famiglia, la solitudine, il viaggio, la malattia, la sessualità e molti altri ancora. Lo sguardo lucido della regista e scrittrice Macrina Binotti ci conduce in una cornucopia di conoscenza e coscienza, dove le mille storie si incasellano le une sulle altre, colorando il buio, per creare una figura unica che è la somma di tutte le donne, una figura dolce e dura, fragile e forte, che non ha paura di diventare ciò che è destinata a essere.

Le protagoniste sono donne che hanno scelto di seguire la loro Luce interiore che, attraverso processi di trasformazione e catarsi, hanno avuto la forza di realizzare i loro sogni e progetti. Una Luce che le ha permesso di creare la realtà che desiderano portare nel mondo. Una Luce che le ha risvegliate.

Scopriremo le scelte di Alice, Roberta, Maura, Anna, Alessandra, Nandhan, Emanuela, Gina e Agata. Sono nomi di donne coraggiose che hanno scelto di uscire sia dalla grotta platonica che da quella interiore, dove ci rifugiamo quando abbiamo paura, hanno scelto di seguire la Luce.

La prima che conosciamo è Alice, che trova nella fatica di crescere da sola due figlie la Luce per ribellarsi, per volere qualcosa di più per lei e quindi per loro. A quarant’anni si rimette in gioco, come acrobata, in una compagnia circense, attraversando la toscana con cavalli e carrozze, insieme agli amici di una vita, riconnettendosi al suo desiderio primario, dando forma e sostanza a quel sogno condiviso.

Alice spalanca la sua vita alla telecamera guidata dolcemente da Mario Liguigli, non ha paura di mostrarsi nella sua interezza e nella sua quotidianità. La cosa che colpisce maggiormente sono i suoi occhi, contenti e radiosi. Guardandoli capisci che lei è felice, che potrebbe essere la donna più felice dell’universo. Finalmente libera di essere ciò che è sempre stata.

La storia di Alice è montata sotto la direzione della regista con il montatore Luca Bonicalza; il direttore della fotografia è Mario Liguigli, le musiche di Matteo Borea.

Rispondi